Titolo
 

MiFid

La normativa MiFid

Banner Mifid

Il 1° novembre 2007 è entrata in vigore la direttiva europea sui servizi di investimento denominata MiFID (Markets in Financial Instruments Directive).

L’ obiettivo principale della direttiva è quello di favorire una maggiore trasparenza dei mercati finanziari e di rafforzare le tutele per l’investitore aumentando gli obblighi di informazione da parte degli intermediari.

La Mifid prevede particolari obblighi a carico degli intermediari, tra i quali ricordiamo:

  • la necessità di eseguire gli ordini della clientela alle migliori condizioni possibili (c.d. “best execution”);
  • la necessità di classificare la clientela in 3 categorie a cui corrisponde un diverso livello di tutela: clientela al dettaglio, clientela professionale e controparti qualificate;
  • la necessità di identificare e comunicare al cliente i possibili conflitti di interesse, mettendo a punto procedure atte ad eliminarli o ridurli al minimo;
  • la necessità di rispettare le nuove regole sugli incentivi, che devono essere preventivamente comunicati al cliente e che devono essere esclusivamente finalizzati al miglioramento del servizio erogato.

In ottemperanza alle disposizioni della MiFID sono stati predisposti dei documenti informativi che vengono consegnati alla clientela prima dell’erogazione dei servizi di investimento.

A partire dal 3 gennaio 2018 in tutti gli Stati dell’Unione Europea è in vigore la nuova direttiva europea 2014/65/UE (MiFID II), che ha come obiettivo di rafforzare la tutela degli investitori in materia di servizi e prodotti finanziari, e il Regolamento europeo n. 600/2014 (MiFIR) orientato a rafforzare la trasparenza dei mercati.

Trasparenza post negoziazione

CereaBanca1897 rende disponibile quotidianamente un File contenente i dettagli delle operazioni concluse dalla Banca, per conto proprio, il giorno lavorativo precedente, rilevanti ai fini della pubblicazione dei dati previsti ai sensi dell’art. 34 del Regolamento Consob n.16191/2007. Le operazioni in questione hanno ad oggetto gli strumenti finanziari – diversi dalle azioni – ammessi alla negoziazione su mercati regolamentati italiani e sono concluse il giorno lavorativo precedente al di fuori di un mercato regolamentato, di un sistema multilaterale di negoziazione o di un internalizzatore sistematico.

Documenti informativi

Reports sulla qualità di esecuzione degli ordini

In ottemperanza alle previsioni normative in materia di Best Execution, dettate dall’art. 27 della Direttiva 2014/65/UE del 15 maggio 2014, c.d. MiFID II, recepite dall’art 47 del Regolamento Intermediari n. 20307/2018, vengono di seguito pubblicati i dati previsti e relativi agli ordini eseguiti dalle sedi di esecuzione.

Prime 5 sedi di esecuzione/Broker

Con riferimento al periodo 1 gennaio – 31 dicembre 2019, viene pubblicato il documento che indica, per ciascuna classe di strumenti finanziari:

  • le prime cinque sedi di esecuzione, sulle quali la Banca esegue direttamente gli ordini dei clienti;
  • le prime cinque imprese di investimento (c.d. Broker) utilizzate dalla Banca.

Per ogni sede/Broker sono riportati i volumi negoziati ed il numero di ordini eseguiti espressi in percentuale sul totale della classe. Oltre alle informazioni quantitative è presente una sezione qualitativa ove sono fornite specifiche qualitative in relazione al rispetto dei criteri stabiliti per garantire la Best Execution, sia per la clientela retail che professional.